Il tuo browser non supporta il tag embed per questo motivo non senti alcuna musica Circolo-Mi-Ro' - teatro
Benvenuto su CIRCOLO  CULTURALE  Mi - Ro'

Teatro

10-03-2017

Le Beatrici


2017_03_10

LE BEATRICI

PER L'EVENTO DELL'8 MARZO IL CIRCOLO CULTURALE MI-RO'
Quest'anno vi propone un viaggio, scevro da ogni giudizio, nella mente femminile..1 serata a teatro insolita divertente ma anche introspettiva e riflessiva.
Lo spettacolo"Le Beatrici", infatti, mette in scena sette monologhi di donne stravaganti irriverenti e anticonformiste tra le note di raffinate canzoni tratto da 1 opera di Stefano Benni e dalla rivisitazione dell'intervento a Radio Verbania Libera del 1945 di Maria Peron
Beatrice / Volano / la Presidentessa /l'infermiera partigiana /Mademoiselle Lycanthrope /Suor Filomena

Sono storie di donne tanto diverse tra loro, ma spontanee, ognuna a suo modo. Lontane dall’immagine della donna angelica, modello di virtù, sempre buona, sempre dolce, sempre accondiscendente, che gli uomini hanno cercato di imporre nel corso della storia.

Queste donne sanno di avere una loro identità e la vogliono mantenere, anche se non sempre hanno potuto rifiutare le imposizioni esterne.

A volte, le circostanze sono state più forti.

Ma loro sanno chi vogliono essere e non intendono smettere di esserlo.

Regia di Renato Infanti
interpretato dalla compagni ateatrale LA LUNA DI KAMIKOS
Renata Caselani
Anna De Cato
Rosa Gisoni
Priscilla Valentino
Marilena Ferrari
Paola Ronchi
Liliana Jai
Tiziana Pulerano
Riccardo Cadei
Paolo Nicastro
Giuseppe Asmetti
Dino Bellotta

2017_03_102

2017_03_103

17-04-2016

Posta Prioritaria


Posta Prioritaria

10-04-2016

Il Canto dell'Ape - Omaggio ad Alda Merini


Il Canto dell'Ape - Omaggio ad Alda Merini

Il Canto dell'Ape - Omaggio ad Alda Merini

28-02-2016

A TEATRO PER LA MEMORIA DELL'SHOAH CON I SOPRAVVISSUTI, A CURA DI ZERIDELTOTALE TEATRO BINASCO


A TEATRO PER LA MEMORIA DELL'SHOAH CON I SOPRAVVISSUTI, A CURA DI ZERIDELTOTALE TEATRO BINASCO



A TEATRO PER LA MEMORIA DELL'SHOAH CON I SOPRAVVISSUTI, A CURA DI ZERIDELTOTALE TEATRO BINASCO


21-02-2016

BAMBOLE ROTTE, PEDAGOGIA DEI SENTIMENTI TRA MUSICA & TEATRO


BAMBOLE ROTTE, PEDAGOGIA DEI SENTIMENTI TRA MUSICA & TEATRO



BAMBOLE ROTTE, PEDAGOGIA DEI SENTIMENTI TRA MUSICA & TEATRO


23-12-2015

CHRISTMAS JAM


CHRISTMAS JAM



CHRISTMAS JAM


13-12-2015

APPUNTAMENTO CON IL TEATRO: TI RICORDI DI ME?


TI RICORDI DI ME?



TI RICORDI DI ME?


22-11-2015

Giornata Mondiale Contro La Violenza Sulle Donne


2015_11_22

DOMENICA 22 NOVEMBRE ORE 16.15
Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne


CARI AMICI,Associazione Lule, Associazione Oltreconfine, Croce Viola di Rozzano e Circolo Culturale Mi-Ro’ sono lieti di invitarvi all'evento di chiusura del progetto

Ragazze di periferia

Teatro, musica e fotografia, per riflettere e confrontarsi in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne

Domenica 22 Novembre – Dalle 16.15

Presso Circolo Culturale Mi–Ro' (www.circolo-mi-ro.it)

Zibido San Giacomo (Mi) – Fraz. Badile, Via Adige 5

Ingresso libero

Ore 16:15 spettacolo teatrale "Ferite a morte" della compagnia Cheproblemacè, liberamente tratto dal libro omonimo di Serena Dandini. Con la regia di Gianluca Fiorentini e con M. Turrisi, S. Sadi, L. Fedeli, C. Randazzo, A. Costantino, A. Bonati.

Dalle ore 18:00 presentazione ed inaugurazione della mostra che raccoglie gli scatti del concorso fotografico "Obiettivo Donna - Raccontarsi donna attraverso un clic". Premiazione a cura dei giudici del contest Arianna De Micheli, Ottavia Spaggiari, Leonardo Brogioni e Laura Boerci per il premio speciale Think Pink di LUSH.

A seguire contributi dal territorio: Duilio Loi dello Studio Pedagogico Pavese; un rappresentante dei Centri Antiviolenza; in chiusura dimostrazione a cura della Street Combat Association di Binasco, ente che si occupa della difesa personale a 360 gradi.


In chiusura Happy Hour in musica
  


LULE onlus: da oltre 15 anni a fianco di chi ha bisogno

12-06-2015

Appuntamento con il Teatro: OPERAZIONE VEGA


2015_06_12

Il circolo culturale Mi-Ro' & Zerideltotale Binasco presentano una performance teatrale tratta da un soggetto radiofonico scritto da Friedrich Dürrenmatt negli anni '50, Operazione Vega è un'interessante parabola sui temi della guerra fredda che racconta di un prossimo futuro nel quale due grandi confederazioni, rivali nelle ideologie e nei sistemi economici e sociali, tentano la conquista del sistema solare dopo essersi già spartite il dominio della Terra.
Nel momento culminante di una gravissima crisi internazionale, una delle due super potenze si prepara ad aggredire l'altra riadattando a base missilistica la colonia penale del pianeta Venere. Il progetto suscita però la ferma opposizione dei deportati che non vogliono abbandonare la loro nuova patria per far posto alle installazioni militari...
fantascienza ma non solo, uno spettacolo coinvolgente con diversi rimandi all'attualità e spunti di riflessione.

 

17-05-2015

Questione di X, a cura del Laboratorio Teatrale Scarpette Rosse


2015_05_17

E' il secondo spettacolo composto dal laboratorio teatrale “Scarpette Rosse”
"QUESTIONE DI X"
La maggior parte dei testi di quest'ultimo sono di Cinzia Collodi, che, come per il primo spettacolo, è anche la regista.
Il tema trattato in questo spettacolo,che vede alternarsi monologhi brillanti, drammatici, e stacchi musicali,cantati, ballati e suonati dal vivo, è quella della parità fra i generi, e delle diverse richieste che la società fa alle donne in quanto donne, sulle quali gravano aspettative di eterna giovinezza, doppia presenza, efficienza instancabile sia nel ruolo di lavoratrici, che di mogli, come di madri.


IL laboratorio teatrale “Scarpette Rosse”

L'esperienza nasce dall'idea che l'assessora Paola Battaglia con delega alle Pari Opportunità presso il Comune di Pieve Emanuele, ha della diffusione della cultura del rispetto dell'altro ed in particolar modo, dei generi fra loro, presso le comunità locali.
La violenza, nella sua visione ben suffragata dai dati nazionali, è qualcosa di endemico e guarire questa modalità malata del rapporto fra generi è qualcosa che non può essere risolto solo individuando responsabilità penali, ma occorre anche fare un profondo e capillare lavoro culturale, i cui destinatari non possono essere solo piccoli gruppi di persone sensibili al tema, che presenziano a conferenze e serate tematiche, o si accostano volentieri alla letteratura sul tema, ma occorre farlo diventare un argomento da veicolare attraverso mezzi di più semplice divulgazione, affinché si tolga l'argomento dal novero dei tabù, e finalmente, e liberamente, se ne parli, e quando le persone parlano di ciò che normalmente è ritenuto un segreto inviolabile, possono anche riflettere su comportamenti agiti o subiti, correggersi o, all'occorrenza, chiedere aiuto.

Da questa riflessione è nata in lei l'intuizione che un laboratorio di teatro sarebbe stato il mezzo più efficace per far riflettere dei cittadini sul tema della violenza creando delle relazioni funzionali per il confronto sul tema fra uomini e donne di varie generazioni, che a loro volta avrebbero potuto coinvolgere altri cittadini nella riflessione sul tema, grazie alla messa in scena dei prodotti del laboratorio, che avrebbero dovuto saper trattare l'argomento con grazia delicatezza, leggerezza, e se possibile anche con ironia, senza essere irriverenti verso l'assoluta serietà della questione, ma senza per questo sfociare nel rappresentare qualcosa di talmente crudo da risultare indigesto al pubblico, rischiando così di rendere difficile la fruizione dei preziosi contenuti.

Per fare questo era però necessario poter contare sulla capacità di coordinamento di una persona sensibile al tema, con capacità registica e con questo spirito di leggerezza nell'approcciarsi anche ai temi più ostici.
A Pieve Emanuele, da molti anni ormai Cinzia Collodi si era distinta per la capacità registica, l'ironia, e la sensibilità nel trattare i temi sociali più delicati, facendoli divenire opere teatrali fruibili dai più.

E così il Comune di Pieve Emanuele ha organizzato il laboratorio Scarpette Rosse, che grazie alla capacità registica di coordinamento e scrittura di Cinzia Collodi, e ad un gruppo di cittadini che hanno partecipato mettendosi in gioco completamente, ha prodotto e messo in scena due spettacoli.
Il primo è stato “Va tutto bene ma...” scritto ed interpretato da tutto il gruppo che si è occupato anche della realizzazione delle scenografie, il tutto sotto la sapiente egida di Cinzia Collodi.
Il cui tema trattato in questo lavoro, era proprio quella della violenza di genere, della sopraffazione e degli stereotipi su di esse

10-05-2015

Teatro...Ti ricordi di me?


2015_05_10

TI RICORDI DI ME?
di Massimiliano Bruno

Regia di GIANLUCA FIORENTINI

con
MICAELA TURRISI
PASQUALE SAVARESE

TI RICORDI DI ME? è una storia.
TI RICORDI DI ME? è una storia di due persone.
TI RICORDI DI ME? è una storia di due persone che si conoscono, si attraggono, si respingono si amano, si perdono per poi riavvicinarsi… forse.
TI RICORDI DI ME? è una storia che fa ridere, fa commuovere, fa emozionare, fa pensare.
E’ una storia che ce ne sono poche così; di quelle che si bevono tutte di un fiato.
E’ una storia difficile da spiegare ma semplicissima da vivere.
E’ una storia che si ama; che non si vede l’ora di vedere come va a finire; che il tempo sulla sedia è già passato e alla fine c’è come un senso di vuoto; come se si sentisse la mancanza delle due persone che stavano lì, che “non sembravano mica attori, sembravano veri”.
E’ una storia che si è contenti di aver ascoltato, di aver vissuto, di aver vinto la pigrizia di uscire di casa.
E’ una storia che “lo dico ai miei amici che gli piacerà di sicuro”.
TI RICORDI DI ME? è due attori meravigliosi che “quando escono vado dirgli quanto mi è piaciuto”.
TI RICORDI DI ME? è tutto questo e qualcosa di più che non si sa dov’è perché è rimasto nel cuore e nell’anima di ognuno di noi.

24-04-2015

ODIO GLI INDIFFERENTI. CREDO CHE VIVERE VOGLIA DIRE ESSERE PARTIGIANI.


2015_04_24

 

COMMEMORAZIONI 25 APRILE 1945
ODIO GLI INDIFFERENTI. CREDO CHE VIVERE VOGLIA DIRE ESSERE PARTIGIANI.


dalle 19.00
GRIGLIATA RESISTENTE
(Salamelle bruschette verdure e scamorza alla griglia panini... )
possibilmente vi preghiamo di prenotare entro mercoledi' 22/04 tramite mail eventi.Mi.Ro@gmail.com oppure ai numeri presenti sulla pagina CONTATTI di www.circolo-mi-ro.it

dopo cena
SERATA RESISTENTE
Ricordiamo il 70° anniversario della Liberazione tutti insieme
accompagnati dalla compagnia teatrale
"ZERIDELTOTALE " in collaborazione con il circolo culturale MI-Rò leggeranno alcune testimonianze partigiane

il gruppo "I NUMANTINI " ripercorreranno quegli anni attraverso le canzoni di lotta e canzoni popolari del tempo

il mi-ro' inoltre aderisce all'iniziativa di RADIO POPOLARE
"LIBERI ANCHE DI CANTARE E BALLARE"
Se da 70 anni viviamo nella democrazia lo dobbiamo agli uomini e alle donne che nel 1945 ci hanno liberato dai nazifascisti. Ricordarlo è un dovere. E può diventare anche un piacere. Anpi, Arci, Insmli e Radio Popolare vi propongono di farlo con un’iniziativa rispettosa del loro sacrificio ma anche gioiosa: cantando e ballando.


--
Mi-Rò
Via Adige, 5 Badile, frazione di Zibido San Giacomo (Mi)

19-04-2015

TEATRO... Storia di una brigantessa


2015_04_19

La compagnia teatrale La Luna di Kamikos presenta
Zarafina Ciminelli - Storia di una brigantessa

Introduzione storica: Tiziana Pulcrano
Regia di Renato Infanti
Interpreti
Zarafina Ciminelli: Renata Caselani
Antonio Franco: Marco Mangano
Don Prospero Ciminelli: Placido Bellotta
Cancaricchio: Riccardo Cadei
Lestopede: Renato Infanti
Drude: Tiziana Pulcrano, Nadia Galimberti, Anna De Cato

TRAMA
Serafina Ciminelli (ma a noi piace chiamarla Zarafina, rispettando il dialetto lucano), dal carcere di Potenza, dove sta scontando venti anni di detenzione per "Brigantaggio", rea solamente di essere stata la donna del
capobrigante di Francavilla sul Sinni Antonio
Franco, racconta, tra ricordi e flash impietosi, gli anni della “forzata” Unità d’Italia e della conseguente lotta di liberazione di parte del popolo lucano, nella guerriglia tra le montagne dell’Appennino.
L’adattamento teatrale oggi rappresentato, è come descritto da Labanca nel romanzo da cui è tratto, la rievocazione storica di una rivolta "La Rivolta dei Cafoni" e dell'illusione di un popolo (quello meridionale) di liberarsi, con la sola e unica arma possibile, il brigantaggio, dell’ occupazione piemontese e delle angherie
secolari dei Galantuomini del luogo.
Zarafina, dalle sbarre di quella prigione, racconta la sua esperienza passata, quando, figlia di uno di questi Galantuomini, fugge di casa perché innamorata di un soldato borbonico costretto a diventare Brigante dopo l’occupazione piemontese (Antonio Franco, il "Re dei Briganti" ); i cinque anni di vita nei boschi passati assieme a lui e agli uomini della sua banda, il tradimento di cui furono vittime e la conseguente cattura, la fucilazione del suo uomo e i vent'anni di prigionia.

- La Luna di Kamikos

Dedalo, architetto scultore e artista greco, fuggito assieme al figlio Icaro, con ali di piume e cera dal labirinto da Lui stesso costruito, venne imprigionato dal Re di Creta Minosse per aver favorito i mostruosi amori tra la moglie Parsifae e un toro (dai quali nacque il Minotauro).

Riparò in Sicilia alla corte del re Kokalos, dove per Lui progettò e costruì la capitale del regno, appunto Kamikos (oggi realmente identificata da alcuni archeologi in S. Angelo Muxaro, piccola cittadina della provincia di Agrigento, arroccata su di una collina di gesso, lungo la media Valle del Platani).

In passato, il folle volo di Dedalo, fu materia di opere teatrali di Sofocle, Euripide ed Aristofane.

La città di Kamikos, se guardata alla luce esoterica della Luna, tra leggenda e realtà, suscita all’occhio trascendente dell’artista sogni mitologici ed epiche fantasie.

Da questa incantevole prospettiva la Compagnia Teatrale dà genesi al proprio nome

07-03-2015

SOTTOSOPRA - RIDICI SOPRA


2015_03_07

musica parole e video per festeggiare insieme a Voi la festa della donna con un pizzico di ironia e un sorriso ^_^

01-03-2015

SOTTOSOPRA - WORKSHOP SUL FEMMINICIDIO


2015_03_01

EVENTO GRATUITO APERTO A TUTTI SENZA TESSERA

Workshop sul tema del Femminicidio che coinvolgerà esperti e associazioni del territorio

Duillio Loi "Istituto pedagogico pavese"
- aspetti crimonologici del fenomeno, piccoli accenni al profilo del maltrattante
- gli aspetti pedagogici finalizzati alla prevenzione del fenomeno.

Vera Nicoli psicoterapeuta dell'età evolutiva
- Infanzia violata e l'incidenza del disagio familiare sui bambini

interverranno inoltre le seguenti associazioni del territorio

Cinzia Dalle Lucche presidente" Associazione donne
insieme contro la violenza" di Pieve Emanuele

Diana Battaggia presidente "Associazione Fedora " di Opera

Marzia Gotti "Associazione Lule" presenta il progetto “RAGAZZE DI PERIFERIA”

Chiara Malpezzi, Cristina Sgambi
compagnia teatrale MASKERE reciteranno 1 brano tratto dallo spettacolo “QUESTO NON E' AMORE - Il coraggio di rompere il silenzio”

Tina porterà' 1 testimonianza a conclusione

intermezzi video / musicali

Particolarmente gradita la presenza di educatori dirigenti insegnanti studenti

27-01-2015

Giornata Della Memoria...PER NON DIMENTICARE!


2015_01_27

14-12-2014

Spettacolo teatrale Ferite a morte di Serena Dandini


2014_12_14

SPETTACOLO TEATRALE LIBERAMENTE TRATTO DAL LIBRO "FERITE A MORTE" SERENA DANDINI

Compagnia teatrale "cheproblemac'è"

Regia di Gianluca Fiorentini
con
Micaela Turrisi
Selin Sadi
Laura Fedeli
Claudio Randazzo
Antonella Costantino
Andrea Bonati

"Ho letto decine di storie vere ho immaginato un paradiso popolato da queste donne VITTIME e dalla loro energia vitale.
Sono mogli, ex mogli, sorelle, figlie, fidanzate, ex fidanzate che non sono state ai patti, che sono uscite dal solco delle regole assegnate dalla società, e che hanno pagato con la vita questa disubbidienza.

Così mi sono chiesta: 'E se le vittime potessero parlare?'

Volevo che fossero libere, almeno da morte, di raccontare la loro versione, nel tentativo di ridare luce e colore ai loro opachi fantasmi.
Desideravo farle rinascere con la libertà della scrittura e trasformarle da corpi da vivisezionare in donne vere, con sentimenti e risentimenti, ma anche, se è possibile, con l'ironia, l'ingenuità e la forza sbiadite nei necrologi ufficiali"
(Serena Dandini)

08-11-2014

Monologhi-Amo


2014_11_08

Una decina di attori teatrali, per una serata ricca di divertimento ed emozioni.
 

Durante la serata godremo della grazia e simpatia di tre meravigliose danzatrici del ventre.

24-04-2014

Letture resistenti


2014_04_24

23-03-2014

La voce cantata e parlata, viaggio tra i generi musicali


2014_03_232

30-01-2014

NOI NON DIMENTICHIAMO!


2014_01_30

23-05-2013

Spettacolo teatrale "Felici insieme"


2013_05_23

17-05-2013

...direttamente al Mi-Rò con la compagnia teatrale dei Legamani


2013_05_17

28-04-2013

Muso...teatro e musica


2013_04_28

24-04-2013

Esiste chi Resiste...letture, video e musica per celebrare il 25 Aprile


2013_04_24

08-03-2013

Fantasie al femminile


2013_03_08

19-01-2013

Appuntamenti compagnia teatrale Lagamani


2013_01_19

17 Maggio ore 21, Circolo Culturale Mi-Rò di Badile (MI)

13 Aprile ore 21, Teatro Oratorio di San Giacomo (MI)

 15 Marzo ore 21, Teatro Eduardo di Opera (MI)

03 Marzo ore 15.30, Cinema Arcobaleno Motta Visconti Via Gonzaga,1 (MI)

 24 Febbraio ore 15.30 Circolo Bentivoglio Via Bellezza, 16 Milano

        10 Febbraio ore 15.30, Cinema Teatro Sacro Cuore di Casorate Primo P.zza Mira (PV)  

19 Gennaio ore 21, Sala Teatro di  Rosate Via Sacchi,4 (MI)

      

 

21-12-2012

A casa di Babbo Natale


2012-12-21

 

 

 

 

 

teatro per bambini

e adulti Smile

 

 

 

 

 

 

 

a cura di Maria Tuttoilmondo maria.tuttoilmondo@circolo-mi-ro.it Cell. 3396103198